Home

Biografia

Poesia

Saggistica

Inediti

 

 

 

 

 

Caro Angelo,

                   bello, il libro: bello per la sua compattezza, la compattezza della vita, con le sue improvvise diversità, mai però in contraddizione, sì, momenti ulteriori, se lontani l’uno dall’altro, messaggi che si integrano, rendendo più vasta la pagina, cioè la realtà. Si potrebbe citare a dovizia; basta aprire il libro e la felice sorpresa: come nel caso de: “L’altra metà della strada ha un sapore / di ritorno, dalla campagna all’imbrunire, / sulla pietra, nel battesimo della pioggia lenta, / di ciò che studiammo negli anni dell’adolescenza”. Spazio e tempo congiunti. Fino alla conclusione, bellissima: “Mia madre, stanca saliva la mano / a tracciare il volto di un figlio / e pensava che a guardare oltre la ringhiera / forse, nel campo, avrebbe rivisto la rosa”. E’ un libro in cui l’autobiografia diventa storia di un luogo, l’emozione singola, privata, trasmette il sapore, il colore di un paesaggio generale, con improvvise aperture su scene di una verità immediata, vissuta nello sguardo e nella percezione della vita al suo primo nascere: “…i tenui fruscii negli appartamenti / scivolavano tra le pareti con la leggerezza / dei fantasmi -quelli che il signor Giulio / materializzava ogni volta che il frastuono / del vociare lambiva le lenzuola stese / al balcone…

E poi l’infinità delle cose che pullulano in ogni poesia, cose da cui spuntano situazioni che si rimandano l’una all’altra come accade nella realtà, e che si spengono, ma senza la nostalgia di un improvviso disegno, una scomparsa naturale come scompaiono naturalmente le immagini della realtà, nella vita.

Qui, tutto è provvisorio e tutto è necessario, si compone la sequenza dei momenti creando la necessità dei giorni, come i singoli particolari dei paesaggi ne creano un’infinita continuità.

Anche fatti assai lontani ricorrono, remoti nel tempo ma così vivi nella memoria “come fosse ieri” “…nella sterminata campagna della Linera -era l’otto maggio del millenovecentoquattordici- / i tralci di vite spiantati / il paesaggio della casa, non più percorso dal vociare, / percosso dal sussulto della terra”.

Nella verità del linguaggio gli accadimenti anche più straordinari assumono l’aspetto della più arresa perennità: “Le voci dentro tornavano sotto forma di pianto”.

Vorrei insomma dire, il passaggio della vita, in tutta la sua continua e contigua presenza “…fuori di ogni secolo, in un minuto, / in una storia, ciò che rimane visibile / è la sorgente che attraversa lenta la montagna. / Poche cose cambiate, sfiorite le piante in giardino, / rinsecchite come ai tempi della guerra / nello sperduto rifugio oltre il fiume.

Voce e silenzio s’identificano: in una loro miracolosa continuità. Un libro costantemente presente, ripeto.

Un carissimo saluto e un augurio.

 

Firenze, 30 dicembre 2009.

 

Renzo Gherardini

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Angelo Coco
Isolato 392
Armando Siciliano Editore - Messina -
data di pubblicazione: novembre 2010 - pag. 47 €. 8,00 -

Premio "Giordano Bruno"

leggi il libro» » »

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home Biografia Poesia Saggistica Inediti