Home

Biografia

Poesia

Saggistica

Inediti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Angelo Coco
La casa di Hilde
Armando Siciliano Editore - Messina -

data di pubblicazione: settembre 2000 - p. 87 €. 8,00 -

 

SERIE DI PICCOLI PARTICOLARI

 

                                                                               (versi scritti sul muro)

Passeranno da qui altre carovane di congegni,

congedi strappati al sottile assedio della carta

spogli idiomi di soste quando ritrovo,

nel ritorno indecifrato ad un posto

dove la pioggia scava

la barriera di mattoni e calcina,

il caro sospeso grido di ferocia stampigliato

assente di lucide trasparenze

su immaginarie righe d'infinite pagine.

A sera, ombre di sillabe

buttate in pasto nelle braccia del vento,

rimescolate, riscriveranno nuovi versi

sulla mia tiepida segreta roccia.

 

* * * * *

 

                                                                (vento)

 

Un rumore ovattato d'ignote sinfonie

se sbircia con le note d'un sibilo

appena strusciando panchine di carta stagnola

l'alito soffocato d'un canto notturno

sul ritmo sincopato dello sferragliare d'un treno.

Arrivano notizie da immaginari continenti

e mulinando fra gli interstizi delle porte

appiccicano agli angoli più nascosti delle stanze

le lettere di giada di un segreto cifrario.

Ondeggiano alberi

superstiti giganti d'antiche boscaglie

un ramo che cade

una fronda spuntata

ricrescono in prospettiva

in asimmetriche fughe di parallele; 

la luce del sole

assonnata su un piedistallo di foglie.

Raccolto in un sottoscala d'invenzioni

un fascio di colori dalla segreta conformazione

di disegni autunnali su carte zeppe di tentacoli.

Frullano nella mente le angosce del mare

gli odori incrostati nella roccia

l'urlo del vento che s'inorgoglisce come molla

in circonflesse volute di ritratti.

 

* * * * *

 

Quel castello ora diruto di sensi che a te mi legò

nell'affabulazione dell'attesa

riporta a prati e querce

nella corda tesa dell'ultimo sole dell'estate

e avanza nel grembo della pianura

soda solitaria voglia mattutina di sentire

i canti della nostra gente

il respirare lieve della rugiada

concordare un breve cenno sottovoce

sullo stridere della carrucola.

Qui ti conobbi

in un silenzio intarsiato

nell'uragano del paesaggio

prima di arrivare a casa

non sul calpestio della gialla foglia

o in mezzo alla bruma che sale,

foschia densa di questa via ignota,

nel rantolo del polmone dell'auto

o nel riflesso allo specchio.

 

* * * * *

 

Il caminetto 

rosicchia ancora briciole di intemperie

e l'ululato dei pini sfronda ostinato

il baluardo delle intelaiature zincate

di fianco al pozzo

forte il sentire l'aspro verde del colle

ed il collo rovesciato nelle mie mani fermo

come il dialogo nei nostri dicembri.

La sensazione abbrunita della luna a mezzanotte

sulla pelle e l'incanto sfrenato delle favole

il messaggio lungo la volta

ed il silenzioso respiro degli antenati

sigillati negli incavi delle travi

nel vuoto scricchiolio delle assi

prime ore della sera invernale

con la terra, conchiglia delle sementi,

fiorire i primi boccioli.

 

* * * * *

 

Entro la ristretta cerchia stempiata

di un esangue pomeriggio

nell'estremo ritocco visivo

dell'ultima giornata d'estate

aromi di sbiaditure s'intrufolano

dagli spazi di una persiana

a cercare rifugio in un rettangolo di stanza,

il pulviscolo si libra nell'aria

impregnata di sortilegi, pensieri, farfalle

catturate oltre la soglia

di un'immagine di vuoto;

sotto il balcone foreste di glicini,

a catafascio nell'atrio

mucchi di cartone e forse un gatto,

mattoni scoloriti d'urine.

Il mare sommerge di fragranze

da distanze inimmaginabili

questo solitario avamposto;

l'opaco riflesso di pontili d'acciaio

nervature genuflesse su spiagge quasi deserte

con uno spiraglio di sole come uno spillo

ispeziona fin dove non s'alza

la muraglia corallina dell'onda.

 

* * * * *

 

Strana quest'ora morta

nelle strade  che si dipartono

dal buio con discrezione

contorcendosi fuggendo

in cerchi concentrici al di fuori

della portata visiva

a nascondersi.

All'estremo

l'ultimo carezzevole raggio di luna

racchiuso nel pannello cupo

è la striscia che s'origina

dal centro per spartire

ricondurre equilibrare

dove parti s'ingigantiscono.

 

* * * * *

 

Alle cinque post meridiem ogni cosa si ferma

anche il battito del cuore

la storia sul bassorilievo

sopra il camino ed il coro nella plaza de toros,

il millimetrico colloquio

con il sibilo della ragnatela,

lieve movimento asincrono nell'aria.

E dai filamenti del ventaglio,

muraglia di seta e trine,

gocciola un senso di avvinto distacco

nella calura che di nuovo riarde

in queste collassate contrade

nell'ombra sempre più grande

che offusca i passi

in un suono lontanissimo di flauto andino.

Eppure il misurato gesto sacrale del soliloquio

annaspa nel sussulto della posata

nel lento spasimo

di una costola di zucchero sciolta

nel dorato rito puntuale

irrinunciabile odore sorseggiato.

La pioggia fuori, nel mondo,

traspira dalle siepi di gelsomini

come pungolo sevizia lo spazio mentale

più del simbolo dello squarcio improvviso

sulla tela di Fontana.

 

* * * * *

 

Ormai la cena rafferma

accanto al vecchio lume a petrolio

e i dagherrotipi spaventati nel gorgo della pipa

tra i resti del rimescolio delle parole calde

dei tempi mossi dalle notizie, dall'ondeggiare

della storia nell'azzurro vessillo allarmato,

fra rintocchi rimbalzati da rupe a rupe.

Ed ancora quello che rimane, sovente,

nella gola del segno, nella vertigine dilagante

della luce del giorno. Sopra una linea di vento

i movimenti sulla pietra

e la goccia mnemonica del pensiero

affondano alle finestre ritratti di donne.

Il concerto del sogno e i nomi radicati nella stele

al bordo dei passi,

lievi come la corsa degli anni,

nel paesaggio della collina

sulla scanalatura del marmo.

Riempiono la sera le tenebre e così pure

questa neve inaspettata

catapultata leggera come un formicolio;

allineati nel fondo del cielo

Marte, Venere e Giove

a rinserrare la fuga dell'occhio

nel velo acquoso di fine febbraio.  

 

* * * * *

 

                                                (nel quadro)

 

Il fondo

tagliato da pulsanti ritmie granulose

angolari squarci squadrati di mente

e nelle bettole silenziose dello sguardo

l'intimo friggere della ruota dell'esistenza

appena in un ciglio di penombra.

Dai viaggi che annegano l'età in figura

d'altri anni, ti rivedo nel rimestio

d'una goccia trasparente,

quasi luogo dove s'è stati sparpagliati

fra sillabari di microbi di solitudine.

Nei nostri autunni estivi

piove sulle sagome d'auto

                                        a spire d'aria.

E chiederti se il colore che scorre

nell'intima vena del sughero...

 

* * * * *

 

Qualche idea

 

Scorre tra il magma di un disegno

-inchiostro linee di forma chiazze di china-

il tutto il niente qualche idea

che misura un cammino

trascina il passo

a stento ritaglia fiocchi di cose.

 

* * * * *

 

Cortile

 

In qualche antico antro

dove lo sguardo alienato del passato

s'incurva all'ombra di portici

sarà sotterrato un gioco d'azzardo

fra le azalee e le montagne di carte

sui cori dei gatti e nel gorgo

di un barattolo rantolante.

La mano calda scava, porta all'osso

riparte da zero ogni volta che compatti

si dissolvono sugli spigoli fantasmi di finestre.

Un tubo al muro

del fumo

un fioraio

la primavera e l'inverno

i matti coi loro codici di smorfie

il sole che s'arena sulla soglia

sottintesi silenzi e ritrovati cristalli di mondo.

Linguaggi s'allungano al soffio del vento

indecifrati incubi che sulle ali dello scirocco

si sfaldano in presagi di cenere;

da sempre da questo cortile

si partono trasparenze, vialoni d'aurore

un'onda addensata di serpentine

rami di strade...

 

* * * * *

 

Aratri nel solco di tante storie

affilate pietre brune di seleniche composizioni

-gli occhi di un gatto randagio-

nel murmure rimpasto degli anni.

E nel sovrapporsi dei volti, nel futuro

dell'orologio, la scrittura sui muri

è una foglia d'acqua che saltella

in sconfinate matrici di galassie extramentali.

Dalle labbra di questa terra

nastri di mani a nidiate

sul filo caparbio di una sfida

cicatrici serali di raggi di luce. 

 

* * * * *

 

Strade

 

L'incedere quotidiano di presenze

calca variopinta di nylon nei diari dei muri

sforna da suole annerite di kilometri

vette di canti, l'immagine improvvisa

di ciclicità di forme profonde.

Tra le stelle sognanti nei vicoli dei fianchi

di donne, mari di pietre negli spazi

delle parole, sulfurei aromi di clacson

in fette di note anonime. Agli angoli

crocicchi animati di carte

nel vento degli anni, fra i numeri delle case.

 

* * * * *

 

Raccolte a sera dai taciturni vicoli di vocalità

travature scanalate a ridosso

dei geroglifici della penna e il nerume

della fissità di parole lievemente ingrigito

dal canto presunto di quella conca d'acqua

ristagnante nel catino abbacinato dalla luna

il verso tuareg della carovana dentro la stanza

gli oggetti scuoiati con la spirale del rapporto

voce/suono gramaglie immobili di tempo

uniformi/secolari dissoluzioni. Di colpo sorge

il lividore del giorno/marchingegno funambolico

in questa casa/territorio/integrale.

Il trucco (n)delle carte toppe di polvere rapprese

tra i filari di luce del lampadario

-il nudo di donna alla parete

 gioca sfumature di presagi/la sagoma

 incerchiata degli amici

 svuota attimi in noi

 ricerche nomi strade-

inchioda dissolvenze aerobiche

variabili tonalità di forme.

 

CRITTOGRAFIE MARINE

 

Ombrelloni,

stalattiti di legno agli aliti di vento

a filari sulle scaglie del sole

e fra elastiche righe di costumi

traversando gli occhi

lo sguardo leggero deviato

dal disordine della calura.

A gocce,

semi d'alberi cresciuti

con la voce della memoria

su antiche fotografie

bikini di un ritratto sbiadito

fra oscillanti andirivieni di onde.

E a destini alterni,

altro viaggio che non muta

fra isole di spiagge,

panorami dal profondo dell'azzurro.

 

* * * * *

 

Mutano le date

                       i troni

                                 il segno

ed il buio cancella

sformati lati di sembianze

in un ristretto spazio dove s'incespica

e gli oggetti

modellano ombre nella memoria

nel tardo profumo dell'ortensia.

 

* * * * *

 

Spume d'arcobaleni incastrate nell'analisi

delle policromie del risveglio, tuffi a ritroso

fra gli intercapedini dei secondi;

                                                profili

disformi sui contorni di specchi

a intervalli tra panorami dell'occhio

eclissati in nuove stazioni,

a orari, coi segmenti dell'aria intrecciata a fili

dipanati lungo percezioni di paesaggi.

                                                        Nel tempo,

al vertice delle stagioni, itinerari di presagi

nella sottile linea di una penna,

reclinati sull'orizzonte ancora acceso della ragione.

 

* * * * *

 

                           (davanzale)

 

Trasudano i vasi il muschio

materia di vita a ventosa

fresca d'acqua e la prima formica

arriva e tace lungo la filigrana

del suo tragitto

scivola in altre direzioni sul braccio

autostrada di peli.

 

* * * * *

 

Prova ad indovinare se l'inizio

la partenza la fenditura obliqua

che ristagna in una particola di momento

l'assoluto il viaggio disincantato

sulla corrosa ferraglia di un'ipotesi

non siano la nebbia che avvolge

guizzante di enigmi il borgo

asserragliato nella ristretta fascia

di una sperduta luminaria.

L'ombra deterge

l'angolo di caduta del sole

il rastrello di uno squarcio di città

proteso ai sussulti del mare

sullo scoglio

accavallato da un seno di sabbia.

 

* * * * *

 

Isole a parte nel trambusto

alfabeti di conchiglie

nel residuo scorrere di profili

e l'ombra presente a pelo d'acqua

evaporata dal corpo, dai legami della memoria

e la chiave del vociare, quel canto occulto

degli occhi salsedinosi/stilografici

erosi sotto l'inquietante abside delle nuvole

l'avemaria e girovagare a incanti di dune

la fine il verso della canna da pesca.

 

* * * * *

 

L'impalpabile riga del calendario

sul volto asperso dal sorriso sa di sangue

come il tragitto morbido del tuo corpo

coniato tra i saliscendi dello scirocco.

Ed il mattino dopo ancora il sogno raggranellato,

costruito nei diari dai viaggi incantati.

Una certezza dove il tuo dire era un passo.

Incasellato nel ritmo delle dune,

un messaggio dall'altra riva del paese

fustigato dagli anni, gli ultimi

della crocevia fra la spuma alta dell'onda.

Ed un punto incrociato verso l'orizzonte

nella burrasca, in mare aperto;

sulla terraferma la traccia d'un lumino

il tonfo sordo dell'ancora al porto.

 

* * * * *

 

Il ringhiare di athos e i lucernari a settembre

nelle scorciatoie della giornata

come sconosciuti centesimi di martirio

e scottano ancora i residui graffi sui piedi

i dadi delle labbra aggrumati

il cianotico raggio

confusi con lo stridere dell'asmatico motore

quasi ansimante alla falsa deriva.

Pedalando con la fantasia

su scoordinati orizzonti

non era dimenticare/saggiare nei relitti

di remi/di foto quasi inavvertitamente

ripescare le piogge

                             il paese delle rose

la corsa della lumaca sulla pelle

il bacio muto dell'aracne.

 

* * * * *

 

Ottobre ad incastri di nuvole

non tace il richiamo delle barche

della rete

              della vela

tesa al vento

                   i singhiozzi di luce

efelidi sulle carreggiate ansanti del cronometro.

Terra di tutti/di altri

dell'arsura degli anni

dei fulmini raccontati dai pescatori

e luminarie...

...sulla battigia i relitti

                               la bottiglia

il cigolante stordimento dell'altalena

un chiosco di figure fra la bruma

capsule di mutazioni.

 

* * * * *

 

                                                        (spiaggia)

 

La genesi artritica dell'orologio

plasmata sul calco della rena

di striscio a fianco del masso

della scogliera a ferite di ferie

e nel mucchio dentro i limiti del sole

sulle piste straniere delle regole

di queste maree di fine agosto.

Il finto dito sulla guancia

gomma di sbadigli e l'instabilità della febbre

sul perlato profilo dell'onda

strisciare sulle parti del silenzio

e la consistenza del granchio

nel risalire tamponi d'aria

tra giochi e risa oltre la vena d'acqua dolce

nei confini incantati/centellinati

al fruscio salmastro

sulle superflue lanterne dell'estate.

 

* * * * *

 

A stento l'inverno avanza come

interruzione nel frattempo dell'attesa

fra nuovi ruderi erbati

                                 austeri

deformati calchi contemporanei di muffa

e nel vuoto silenzio notturno l'eco

serale dei sorrisi estivi cocktail

d'ombrelloni e barche

                                interne riviere

di suoni astrali

                     frasami.

                                A blocchi

-la ragnatela degli ossimori

                                       il pontile

 diruto gli steccati travasati nell'imperfetta

 tagliola della memoria e il giorno

 che non rinviene piazzuole opache-

di sussurri stanco e lento il vento...

 

* * * * *

 

Le fiamme

gli stanchi elzeviri dei fumi

paludi di tempo nella traiettoria del neon

e approssimativi inchiostri di luna

fusi coriandoli stellari

come sabbiose matrici d'incanto.

Ed il sole rinasce

da un sussurrato silenzio granulitico

tra i segnali del bosco

la quiete del remo

                           leggende

di pane caldo sformato dalle mani;

le voci del cuore accovacciate

nel suono dei gettoni delle favole

sugli enigmi sparuti delle pagine.

Su tutto il sangue sull'ultimo gradino

il gufo trapiantato nel seme del giorno

il dormire del ruscello

                                 l'intimità dei nomi

l'elsa delle forme marine

tra pensieri e volti.

La febbre a gennaio dentro lo stemma dell'occhio

nelle fibre dei jeans come breccia di pioggia

alluvione d'agosto

                           geometrici sapori

di mirtilli.

 

* * * * *

 

                                                    (inverno)

 

Deglutire stiletti di pioggia ribelle

ipotesi che ritorna dietro i vetri

con il friggio dell'asfalto.

 

* * * * *

 

Così che sia dunque

fra gli applausi delle foglie

quest'inverno

nuvole incorniciate di bianco

succose di pioggia

tutto scurito d'umido

fanghiglia e barlumi scozzati

in una fitta di tempo

nel colore del giardino.

 

* * * * *

 

                                                (risveglio)

 

Al mattino presto

di buon'ora alla malora

alla foce della casa sul limitare

squamandosi nella cornice di mogano.

 

* * * * *

 

                                                (a dicembre)

 

Quasi un viaggio finito

una statua di neve

modellata in un giorno di luglio

per questa piazza ormai vuota

chiusa da finestre condannate dal tempo

una notturna girandola d'insegne

vicoli schiaffeggiati dalla pioggia.

E quelle nubi informi

tarli volanti d'anonimi colori

isole offuscate

forse illusorie frontiere

o pedane fiorite per altre feste.

A dicembre

calammo dentro imbuti di scogliere

ritratti sfumati di dolci arie

udimmo morire nell'agguato dell'onda

il richiamo del corno inglese

imburrammo balconi di nostalgie.

 

* * * * *

 

                                                (serale)

 

Le pietre urtate e il cammino

rimarcato/randagio di voci diverse di periferia

a parabole ignote di sensi/segni strati

disgiunti vocalizzi di teoremi glissati.

In cima fosfeni

farfalle acquose ai lampioni incrostati d'azzurro

bracci atemporali senza fine ad incastro

nel viso esterno del cornicione e profili

di amici tante sintesi

di occhi nello slargo della via

fuori mano

ogni tanto auto

ronzio squilibrato di motori

cerniere che aprono il sonno.

 

* * * * *

 

D'incanto come lo strusciare della seta

mi toglie dagli occhi impietriti il paesaggio

assemblamento declinato nel trapunto inverno

i moti cuneiformi del linguaggio

le cancellate trasparenti della furia dei pensieri.

Ed in questa fuga di buio psichedelico

sulle effigi in moto sull'altalenante

geografia del pentagramma

deragliano nei gradini delle ultime voci

rade bolle di pioggia.

Sulla mensola dei nostri luoghi comuni

quel tempo ha oggi strade scavate

nella marcia della vertigine

linee di meteore.

 

* * * * *

 

La mantella di frittura nei vicoli

circolazione ristretta di codici privati

e la cavalcata adulta dei piatti

rimbalza negli scavi fra i tetti

fragili lumi addossati agli spigoli

qualche pagliuzza d'ombra qua e là

camaleonte fra gli scheletri dell'inverno

salmodie di madri

                            organigrammi di nuvole.

E la sera s'ingigantisce appartata smarrita

incasellata nei dintorni di filamenti di fasci

di fari nel pulsare aritmico di un soffio di voce

allineata nei cantieri della terra.

E il gracidare del tuo sogno

                                          -le statue

il cambio di marcia il verde della primavera-

l'innesto assente di cumuli di fumi

i pedoni degli scacchi le occasioni

                                                   e suoni di cembali

nel pallore delle pareti immagini

                                                alle spalle

sul marciapiede vocalizzi nenie con l'onda. 

 

* * * * *

 

                                                    (ritorni)

 

Nel giro stretto del cerchio impuro

delle inferriate

il segno schizzato del carbone

il colore dell'ria compresso

schedato nell'immutabile essenza

dei fermenti astuti dei suoni

captate fantasie.

Riporti ad aprile le somme

le forme i messaggi;

sul limitare imbiancato

                                  la città.  

 

* * * * *

 

Appena dentro

                      -e il concitato fermento nel giardino

il breve formicolio sul viso di greggi di pensieri

l'estate arrostita nei quaderni dell'adolescenza

pailletes/mori di pelouche-

nei gangli degli occhi

il morso

              il movimento della strada

enigmatiche rose di vicoli

                                      -i miei morti affiorano

oltre il profumo della rugiada...

 

* * * * *

 

...E le fate addormentano le corse del giorno

l'eclissi voluta

                     caduti gli ultimi bagliori

sottile come il laser che computa trilioni

in distanze

                pulviscoli

                               asettica quiete.

Granulosa essenza ti copre nell'esitare

sul volto le mani e lascia tracce

dovunque a scacchi

                              in               un

                                  silenzio...

 

* * * * *

 

Storie

 

Odori nello smalto di una pietra

l'ultima luce del colloquio in parentesi

di nuvole e i volti estratti dal diario

delle nostre presenze. Sulla terra,

fra l'altalena delle piogge, nei sottoboschi

dei segreti, ascoltando bave di silenzio

in un inverno. Lettere sfuggite di mano

nelle ali del tempo, sui treni del ritorno,

incenerite sugli spalti di specchi

storie di riflessi, immagini di guance.

 

* * * * *

 

                                                (cartoline)

 

Sostantivi di cenere

inglobati in quadrature di sogni

dediche di versi affrancate con mosaici di simboli

e nelle giarrettiere dei minuti di itinerari sperduti

appallottolate nei rimasugli del vento

ombre e riflessi, colori e volumi pressati

da patine d'aria.

                        Da qui il mio pensiero

col grido dei saluti da meridiani e paralleli

scorrevoli incanti della mente

fra equinozi di pulviscoli.

 

* * * * *

 

Prospettive

 

Piccole interviste contando sui bip

sullo schermo verdognolo del computer

le ore

          i giorni

                      il crescere di donna

colme di ricordi fra alternanza di schiaffi

e gli anni pari/dispari lenti sommelier

di nomi altre voci quasi un vizio

un chiodo quaresimale.

                                   Fuori dalla finestra

dagli occhi incantati poggiati sui rami

millimetri d'aria

                       spessori vicini/lontani di fughe

il tragitto azimutale decapitato di prospettive

una manciata di popcorn

                                     il silenzio dell'orgoglio.

Come te lo racconto un anno

avvolto nell'inferriata di un sorriso

come suadente fiaba?

Con che coraggio t'invento una storia/teoria

un appuntamento fra residui attivi/passivi

del mio bilancio su strade di campagna

felpato quasi pioggerellina astuta di fine marzo

un fioco trespolo d'acqua.

 

* * * * *

 

...Ma tuttavia altri incastri

poggioli internati

                         lastricate dimore

(questo avventizio raggio di illusione

mi coincide sulle labbra con schegge

di casa/aria assottigliata

su schizzi fantasmi di lacrime

e sul filo delle parole obiettivi di dimore

lacerano il flusso del sole

l'esattezza delle orme

                                 il richiamo della finzione)

nei tuoi spogli oceani d'inquietudine

nell'urlo sepolto in aurore rosse a chiazze

nei silenzi di sale... 

 

* * * * *

 

I capricci

o forse erano (sono) i ricordi/sogni

vuote epigrafi d'aria o ruderi di fumi

i silenzi della ragione o le spirali

del vuoto ansimare dei colori

le umidità della notte

il tempo e le pietre

i mausolei ed i ritratti con le morbide

carezze dei pennelli

                             l'ira della scrittura

l'acqua del nostro vento

le bacche verdi e i visi altrove

al sole

          nel volo

nelle sagome del precipizio

i petali di lei

sul foglio come scorie

d'inchiostro o forse distrazioni

rifugio di mani nel giorno o artifici

polvere d'oscurità

                            di città

                                       di profili

forme profonde di padri...

 

* * * * *

 

Fontana

 

Dispersa e schiumosa tra limature d'autunno

vocalità notturna di piattaforme collassate

fontana sgolata

perduta

nell'indolore strettoia del sogno.

Armonie sfuse di tracce

resti di fantasmi rattrappiti

arzigogolati di fanghiglie

equilibrati

in scansioni defilate di voraci intimità.

Nel giuoco del viaggio, trasmigrato in illusioni

di galassie, nello strangolato cristallo ipnotico

di gradi minori dell'orsa

concerto

di traboccanti satelliti, una fisionomia

che pure a tratti s'adombra nell'onda scomposta

d'un definirsi.

Dolcissima

la linea smarrita del suo cielo d'acqua

nel flessuoso incurvarsi e disintegrarsi

nello sformarsi

d'una trama d'atomi a baccelli,

graffiati

e disgiunti pensieri, l'esistere del dubbio

-la caduta-

in altre figure asimmetriche sui gradini

mosaicati del tempo, nel ritorno a vecchie ferite. 

 

* * * * *

 

Figure

 

L'olmo strabico della fantasia

-quelli anelli fumosi

ondulati a boccoli come capelli

cavalli metafisici

a girotondo per la stanza

guidati in alto da perpendicoli di favole-

 

(a guardare bene i tizzoni nel braciere

nuovi eroi s'intingono in incantesimi

dietro le quinte di uno sguardo

sulle note pizzicate da secolari ritmi)

oscilla nei sogni da anni, sul quadrante

d'una trama chiusa e riflessa nel cuore

d'uno specchio.

                         Intraviste e perse le immagini

attraversate dal movimento degli occhi

come l'onda accavallata d'altra onda

spazzata dal battito profondo d'una corrente

di flussi.

A mala pena figure sparse come foglie

fogli che hanno figli in altri tempi

invisibili fili frutti amari di fiale

e nodi di fiele.   

 

* * * * *

 

                                               (periscopio)

 

Di fronte

le secche architetture dei segni

scale perfette

dalle addomesticate tracce

linee di questa matassa d'anima

e un filo di pena assestato

granitico

spietato come qualcosa di preciso.

 

* * * * *

 

Ritorni

 

Nel flusso limaccioso di sparse/spurie astrologie

la memoria rastrella in ionosfere d'altre galassie

corpuscoli/meteoriti d'ascendenze ctonie

drappelli di dire/pensare conurbati nel passato.

In fila indiana i piedi/ascensori

e gli inattesi col sorriso ciondolante

claudicante oziare di cantilena

sul viso/planisfero di cenere.

 

* * * * *

 

Lungo la battigia segreta della memoria

           un                          buco

 

(...ma io so di un sogno incamerato

in  archibugi intellettuali

                                      di chiromanzie

stratificate come polvere sui vetri

finestre scure di birra

                                 allungati occhi di vento

fra i docks dei cuori

                              testimoni del buio...)

 

la lenta scia di chiusure quasi abissali

doppie mandate di colori/dolori

moti/modi del tempo sugli oggetti.

E tornano fra le lenzuola come ricordi

occhi/sogni spaziali orologi

qualcosa che s'impregna di quotidiana follia.

 

* * * * *

 

Dal fondo indovinato della stanza

-cartapesta inchiodata-

antologie di rumori

nel vasto palpito della vetrata

i singhiozzi gocciolanti del pendolo e il profumo

della polvere nella festa dei carri rapiscono

una linearità pomeridiana.

In punta di piedi con scarpe da tennis

quel poco di suono che manca

                                               decalcomanie.

 

* * * * *

 

Entrano ed escono in escatologie di numeri

klimtiani paesaggi

forfettarie stratificazioni di corpi

 

(e lei accovacciata sul più piccolo/grande spazio

nella tormentosa cartavetrata dei compleanni

col segno del vento tra le ciglia

nel segreto legame

                            disamina della parola

delle nostre parti/volere)

 

il caro delicato sentimento dell'idea

                                                     ritorni... 

 

* * * * *

 

Spezzarle quelle acque denaturate

le carcasse lenticolari delle stelle come capezzoli

bossoli fluorescenti quasi sorrisi a chiazze

nell'albume dell'anima. I giochi che vanno via

dal planetario della fantasia

                                        cavalli alati/robot

della guerra/commedia d'ogni mattina

e i paesi ruotati nei colori di cartoline

-scomponi i piccoli ideogrammi

di quel millimetrico lembo biondo/castano

ricciolo che ingloba bit

in gironi/canali/fiabe affilate

nella miscela del giorno-

con una firma apposta di traverso

                                                   all'angolo

nella risalita dal sottoscala domestico

palpito che può imbarazzare

                                          uno scoglio...

 

IN UN POSTO, L'ANNO...

 

"...E accadde che la superficie del terreno

finì d'essere levigata e la trottola

col perdere l'equilibrio

si chinò in una vertiginosa rovina..."

 

Provo a tornare, sui tasti dello scirocco,

alla musica dell'ultimo giuoco dell'età

e se già i muti percorsi delle dimore

sigillati nel lavorato rimescolio

della laguna di un sogno

giacciono dietro l'antica scalinata dei pruni

al declivio delle terrazze

sui panorami dell'arcobaleno,

sulla strada di Betlemme i convulsi inverni

attendono rose al tremore della luna sull'erba.

Passano i segni sul muro sadici/veloci

trafitti dall'aria del treno in corsa

e nella sera impossibile

il raggio del sole come colomba

traccia a volo lieve il disegno della città.

 

* * * * *

 

Calde le estati che se ne vanno

con un tuffo, dalle nostre parti,

nel tardo settembre,

calde e sbriciolate, quasi farinose ossa,

a turno da noi che ci riaddormentiamo

in letarghi sabbiosi.

E il datario ricomincia da zero lo scorrere

con lo stesso passo felpato, ne più ne meno,

degli oggetti riposti oltre il sipario delle ciglia,

nella vista antica del tempo traballante

sulle mensole degli amori sospesi

nel silenzio di questa città già deserta ad ottobre.

Gli occhiali grandi o il codino castano pendente

le foto assommate ad altre foto

il gelo che precipita a dicembre inoltrato

tutti frammenti di una lapide ripulita

frazioni dello stesso nostro cielo

dello stesso coro di vento che richiama

i rumori della giostra siciliana.

    Sine voce, Domine,

                                  in questa torre di babele 

prigioniero della rumorosa scia d'uno xilocopo

aspettando da chissà quali altre autostrade l'anno venturo

la neve

in un posto di frontiera

dove non nevica mai.

Il binocolo puntato sulla cresta dell'ultima onda

ancora più in fondo della nudità dell'anima

nella sensazione drogata

dell'oro raffinato/nel brillio

della scaglia verde-scura in cima al muro...

 

* * * * *

 

Ti porto ossidi

geometriche dimore di dediche

agganciate ai miti di un cronometro

al verde delle finestre e sul marmo

la nostra razza traluce semplice di seduzioni.

E alcune concomitanze nella vita

disordinate come in volo

assemblate nelle scanalature di un gettone

sprofondate nelle forme di uno sguardo

in un sogno/storia.

                            E le profezie

il magmatico ricordo chiuso

-ogni anno le origini

la notte di San Lorenzo

hanno trasfusioni di stelle

stalagmiti di soli puri

sintetici fotogrammi stilografati

dell'assomigliarti nello scrivere

vertiginose pagine dove misteriose

abitano voci-              

                                    spietato

nella pioggia dell'infanzia

all'inizio di nuove polverose contrade.

L'inverno/interno condensato in volti

intenso leviga sentieri

indaga forme di soliloqui granelli di baci

oceani di sabbia quando impera il crisantemo.

 

* * * * *

 

Ed anche il nostro tempo ucciso

dal lento ruminare della sabbia

        -la clessidra sul tavolo

         ha radici di apparenze

         nelle coniche figure

         dell'ultima luce del sole

         e snerva i silenzi acuti del vicolo-

non resiste più

nelle briciole dei ricordi

ai sapori di quest'annata

gocciolata sotto gli occhi

paziente

             dentro il cuore

giorno dopo giorno frusciando

fra antiche prospettive d'inchiostro.

Al collo della città

                            -carnevale muore ancora

fra pietre di indirizzi disabitati-

i primi pendagli di luna

quadri nei fossati delle ruote

canzoni di dialetti nelle vene dei muri

e la birra scura

                       forte

                               puntigliosa d'amaro

modellata sui tracciati delle labbra.

Si alzano fili invisibili di ritorni

-questi addii mal pronunciati

 qualche volta si finge d'incasellarli

 in sfere mentali

                        in geometrici interstizi

 di sillabati dialoghi-

quando lievita il vento raccolte di voci

ombre

          tegumenti di pulviscoli

segnali obliati nell'ombra degli angoli.

 

* * * * *

 

E si ripensa 

nell'assillo brancolante di vuote nature

ad una incognita nel fischio

bruciato degli anni

ai fazzoletti imperlati di grida/giochi

al ciondolare della fiamma del becco di Bunsen

ai caldi incerti corpi cercati/cuciti

nell'improvvisato movimento dell'adolescenza.

Così rode lo sbrigliare delle stagioni passate

convogli addormentati in questi inverni

di amori al fulmicotone

                                    in vie dove la lanterna

in agguato tremulo della mano esita

sui tratti di case indiane

                                   persiane

con l'occhio in esilio nelle crepe del buio.

Strusciando i muri qui si vive

come stratificati in alcuni cristalli.  

 

* * * * *

 

Vive ancora nella sala vuota del trono

lo scodinzolio parlante di fiches,

lo stillicidio di quel saltello sanguigno

breccia nella cadenza ritmica della pendola.

Il trucco non era nel tempo della storia

stava nel tempo dei vecchi

sonnolento come il pugnale di bruto.

Ora tutto il mare senza sosta fermenta l'uragano,

la danza cavernosa della voce notturna

per quel che resta nel gioco degli specchi,

nella rossiccia effigie

che calcola il vuoto di luce fra le case

nel sonno del pendio dirimpetto al sobborgo.

 

* * * * *

 

Invece del sogno nell'aria secca il segno

di quell'anno crudo su cui non si potè contare,

il regno oscuro delle cose

e noi estranei nella parola snella sulla carta

nell'atomo del vino

rosso come l'insegna della ferramenta

all'angolo, alta, a spartire l'ombra.

Per la sera che taciturna invecchia

nell'abbraccio degli amanti

si sbriciolava la luna

-"spegni la luce che sale dal comò..."-

e non era il sonno dell'inverno, il freddo di neve

trascinato dalla tramontana.

Grandi cortili e gli anemoni

la foto sul piano e all'interno della nota

l vampa del sole

che ti riluce nel punto chiaro dell'occhio.

Una volta queste strade non avevano confini...

Forse portavano, attraverso le voci,

ad un gioco dell'età scomparso

ai viluppi di fantasie ed anche, se ti ricordi,

alle nude mani dei nostri

che rastrellavano le pieghe della terra,

agli odori serali delle novene.

 

* * * * *

 

Sempre si parte dal centro della casa,

della mano, dall'odissea dell'architrave

su cui è stampigliata la favola

del primo spiraglio del giorno,

dallo zero del dolore, nel poema della parola

che s'alluce brulicando sull'autostrada

prima dello schianto,

nel travaso di pensieri non pensati.

E sempre si finisce per tornare a Greenwich,

all'origine dell'onda, alla lacrima

del ventre materno, fra le cose

ammonticchiate nel sapore della mente

avvolte nelle spire del suono del cristallo

nel sinuoso piegarsi, fra i giuochi,

del corpo di bimba sulla moquette

alla luce dei fuochi del natale,

sulla stella alta dell'albero

nella casa di Hilde.

 

* * * * *

 

...Da un paese all'altro fino a un sospiro di zolla

dentro un fresco labirinto di polvere

e non di rado al lido

sulle tracce delle perturbazioni che ricadono

dalle costellazioni col loro modo barocco.

Tutto il portale

        -avviene che a volte la fichet

        non riconosca più

        lo scatto dell'ingranaggio

        il moto lento e misurato delle dita

        perpetuo più della tenebra dell'eclissi-

e la leggerezza delle date che inanellano l'orto

a fronte nella discesa

brancica la curva dell'occhio

l'ultimo epitaffio

scolpito dal passo nel vetro della pasqua.

Restare o andare, divellere lungo il transito

lo sciaquio dello sguardo,

cantare l'eterna memoria

ad ogni sospiro sulle carte geografiche

dove come monte

si staglia il segno della mosca.

 

* * * * *

 

                                                (il posto)

Questo era

sul selciato imperlato di pioggia

segnato

a grandi linee di pennelli

il luogo

il punto d'incontro.

Rimane una dicitura

smanciata dal tempo

qualche solitaria sillaba

pochi numeri

una frazione di anni

l'indice puntato in altra direzione.